La libertà di stampa e di comunicazione. Il ruolo del giornalista e dei comunicatori nell’era dei social. A Corato presso la sede del Movimento “Vivere In” un appuntamento formativo dell’Ordine dei Giornalisti di Puglia
0 2 minuti 2 mesi
La libertà di stampa e di comunicazione. Il ruolo del giornalista e dei comunicatori nell’era dei social. A Corato presso la sede del Movimento “Vivere In” un appuntamento formativo dell’Ordine dei Giornalisti di Puglia

Si è parlato di comunicazione, giornalismo e libertà di stampa il 22 giugno presso la sede del Movimento “Vivere In” a Corato. Un altro appuntamento formativo che l’Ordine dei Giornalisti di Puglia in combine con la Diocesi di Trani, Barletta, Bisceglie ha organizzato per giornalisti, ma non solo.

Un momento di sano e utile confronto che ha visto tra i relatori il giornalista Giuseppe Faretra e l’avv. Emilio Iurillo con l’introduzione e il benvenuto della responsabile della stessa associazione.

Comunicare ed informare è impegnativo, ma non impossibile. Tra i temi trattati durante l’incontro, l’aspetto legato alla libertà di stampa in termini etici e giuridici: un viatico importante per non ricadere in spiacevoli sentenze in un’era dove i social e un’informazione non più “slow” stanno predominando la scena in termini di notiziario.

Come poter ovviare a questo fenomeno? Un buon giornalista sa già come comportarsi richiamando quelli aspetti etici riportati sulla Carta di Treviso che racchiude la buona condotta di chi fa questo mestiere, di fatto il quarto potere.

La Giurisprudenza Italiana più volte ha tentato di venire incontro a questa esigenza di regolamentazione, ma appare impossibile gestirla con una semplice norma, occorre tanto buon senso, ascolto e verità. 

 “Un giornalista dovrebbe essere onesto come essere umano e libero come professionista, per diffondere la verità dei fatti” come diceva Adelina Dokja. 

Stefano Patimo

direttore@stranifatti.it

Booking.com
Booking.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.