Bari, “The ways of Land”: spettacolo di danza con Carolyn Carlson
Bari, “The ways of Land”: spettacolo di danza con Carolyn Carlson

Mercoledì 2 novembre al Teatro Abeliano l’evento promosso dalla compagnia di danza contemporanea ResExtensa. Lo spettacolo è il risultato di un workshop speciale per danzatori professionisti e allievi di livello avanzato

BARI – L’icona della danza Carolyn Carlson è a Bari. Mercoledì 2 novembre alle ore 21 andrà in scena al teatro Abeliano “The ways of Land”, lo spettacolo è il risultato di un workshop speciale per danzatori professionisti e allievi di livello avanzato, ideato e curato dalla compagnia ResExtensa, con la grande coreografa statunitense Carolyn Carlson.

Carolyn Carlson è da circa una settimana a Bari, accompagnata con la sua storica danzatrice e assistente Sara Orselli e il compositore Paki Zennaro al lavoro con danzatori professionisti arrivati a Bari da varie parti d’Italia per questo evento unico. Un corso formativo speciale (20 ottobre – 5 novembre), offerto in via del tutto eccezionale e specialissima in forma gratuita grazie alle sinergie offerte dall’attività “Unite gli Estremi e Troverete il Vero Centro” di ResExtensa per Le Due Bari del Comune di Bari e il Centro Nazionale di Produzione per la Danza “Porta d’Oriente” – Tra Due Mari”, sempre di ResExtensa, riconosciuto dal Ministero della Cultura e dalla Regione Puglia.

“L’obiettivo nostro è avviare più occasioni di professionalizzazione nella danza anche in modalità speciali a sostegno di coloro che lavorano, studiano e lottano per la danza in Puglia. C’è tanta richiesta e bisogno di queste azioni, per questo workshop avuto moltissime iscrizioni di alto livello – selezionare non è stato facile. Siamo inoltre molto contenti delle collaborazioni con il Liceo Coreutico Leonardo da Vinci di Bisceglie e De Nittis Pascali di Bari, accogliendo alcuni allievi segnalati anche dai docenti, per un’esperienza unica”, spiega Elisa Barucchieri, danzatrice, coreografa e fondatrice dalle compagnia di danza ResExtensa in Puglia.

A vent’anni di distanza dal loro prima incontro Elisa Barucchieri e Carolyn Carlson si ritrovano in vesti diversi e a Bari. Dal 1999 al 2002 Carolyn Carlson è stata direttrice del settore danza della Biennale di Venezia. E ha aperto un’accademia di danza contemporanea (Accademia Isola Danza), che ha frequentato Elisa Barucchieri.

“Quando l’ho vista per la prima volta ero una giovane danzatrice in audizione e lei mi scelse per entrare in Accademia Isola Danza a Venezia, ero una delle 20 scelte su 3mila candidati. Da allora Carolyn è stata una figura sempre presente nel il mio percorso, a lei devo anche il coraggio di aver creato ResExtensa. Avere lei a Bari per un periodo così lungo, specialmente insieme alla magnifica danzatrice Sara Orselli e al compositore Paki Zennaro, musicista per Carolyn da oltre 40 anni, è un evento davvero unico e prezioso anche per i nostri giovani talenti”, racconta Barucchieri.

Carolyn Carlson
Nata in California, Carolyn Carlson si definisce soprattutto una nomade. Dalla Baia di San Francisco all’Università dello Utah, dalla compagnia di Alwin Nikolais a New York a quella di Anne Béranger in Francia, dall’Opéra di Parigi al Teatrodanza La Fenice di Venezia, dal Théâtre de la Ville a Helsinki, dal Ballet de l’Opéra di Bordeaux al Cartoucherie di Parigi, dalla Biennale di Venezia a Roubaix, Carolyn Carlson è una viaggiatrice instancabile, sempre in cammino per sviluppare e condividere il suo universo poetico. Erede dei concetti del movimento, della composizione e della pedagogia di Alwin Nikolais, è arrivata in Francia nel 1971. Con Rituel pour un rêve mort, l’anno successivo firma il suo manifesto poetico, con un approccio che da allora non ha più abbandonato: una danza volta alla filosofia e alla spiritualità.

Al termine “coreografia”, Carolyn Carlson preferisce quello di “poesia visiva” per descrivere il suo lavoro. Dare vita a opere che testimoniano il suo pensiero poetico, e con esse a una forma d’arte completa, totale, in cui il movimento occupa un posto privilegiato.

Per quattro decenni, la sua influenza e il suo successo sono stati considerevoli in molti paesi europei. Ha svolto un ruolo chiave nel far emergere la danza contemporanea francese e italiana con il GRTOP all’Opéra de Paris e il Teatrodanza alla Fenice. Ha realizzato più di cento pièce, molte delle quali costituiscono le pagine più importanti della storia della danza, da Density 21,5 a The Year of the horse, da Blue Lady a Steppe, da Maa a Signes, da Writings on water a Inanna.

Nel 2006 il suo lavoro è stato insignito dalla Biennale di Venezia con il primo Leone d’Oro mai assegnato a un coreografo. È anche Comandante delle Arti e delle Lettere e Ufficiale della Legion d’Onore, la più alta onorificenza conferita dallo Stato francese a chi abbia ottenuto meriti in ambito civile, culturale, militare e sportivo. Fondatrice dell’Atelier de Paris-Carolyn Carlson alla Cartoucherie nel 1999, è stata, con la sua Carolyn Carlson Company, artista associata al Théâtre National de Chaillot dal 2014 al 2016. Nel 2017, parallelamente all’attività principale della compagnia, sono nate nuove forme di creazione, tra cui una mostra e un lungometraggio danzato. Nel 2019 ottiene la nazionalità francese e viene eletta l’anno successivo membro del dipartimento di coreografia dell’Accademia di Belle Arti.

INGRESSO LIBERO

ore 21, info prenotazioni@resextensa.it

L’articolo Bari, “The ways of Land”: spettacolo di danza con Carolyn Carlson sembra essere il primo su Puglia News 24.

Booking.com
Booking.com

Di admin